Nel corso della storia, la cannabis ha svolto un ruolo significativo in diverse tradizioni religiose. Le antiche civiltà, come quella degli Sciti, credevano che la cannabis fosse un mezzo per raggiungere i regni spirituali. In India, invece, è strettamente legata al dio indù Shiva e il suo consumo è visto come un mezzo per raggiungere stati di coscienza elevati; infatti, in uno dei quattro testi sacri dell'induismo, la cannabis è nominata come una delle quattro piante sacre della terra. Queste connessioni storiche tra la pianta e la spiritualità sollevano domande sui potenziali effetti che può avere sul viaggio interiore di una persona.

Come la cannabis sembra influenzare la mente

È innegabile che il THC può migliorare l'attenzione e la percezione e far sì che momenti o esperienze ordinarie, che in circostanze normali sarebbero passate inosservate, assumano una rilevanza molto maggiore. Questo potrebbe accadere anche con il linguaggio del corpo, rendendoci più percettivi nei confronti dei gesti e dello stato mentale degli altri, favorendo l'empatia, ma anche rendendoci più consapevoli dei nostri stessi sentimenti.

Pratiche spirituali moderne

In epoca contemporanea, gli individui stanno ancora esplorando l'uso della marijuana come strumento per migliorare le pratiche sacre. Non c'è dubbio che il suo consumo possa facilitare l'introspezione, approfondire la meditazione e aumentare la consapevolezza di sé, che per una mente spirituale può favorire un senso di connessione con il divino o la coscienza superiore. Alcune comunità incorporano la cannabis in rituali, cerimonie spirituali e incontri intenzionali per indurre uno stato di consapevolezza e promuovere la crescita interiore. Una mente tranquilla e un umore elevato possono coltivare un senso di unità e interconnessione.

Effetti segnalati

La natura soggettiva della spiritualità fa sì che le esperienze con la marijuana possano variare notevolmente tra gli individui. Alcuni riferiscono di profonde intuizioni spirituali, sentimenti di trascendenza e una migliore percezione sensoriale durante le pratiche assistite dall'erba. Tuttavia, questo tipo di esperienze può essere soggettivo e non tutti possono trovare la stessa risonanza con la cannabis.

Esperienza personale

In un certo senso, un viaggio spirituale è unico e personale come lo è il legame di una persona con la cannabis in qualsiasi circostanza. Indipendentemente dal fatto che una persona la usi o meno per connessioni spirituali, anche l'esperienza o gli effetti che ne ricava possono essere particolari.

Per questo motivo, sperimentare diversi ceppi di cannabis può aiutare ogni individuo a trovare il meglio per sé, poiché le diverse miscele possono avere un impatto diverso sul viaggio. Fortunatamente, qui a Barcellona abbiamo i migliori dispensari e possiamo accedere a una lista diversificata di varietà di alta qualità. Inoltre, possiamo farlo legalmente in un club di erba o nella privacy delle nostre case.

Conclusione

Esiste sicuramente un legame tra cannabis e spiritualità, da millenni. Alcune persone possono trarre il meglio da questa combinazione, mentre altre potrebbero non averne bisogno. Ma rimane un'opzione.

Lascia un commento

it_ITIT