Il consumo di cannabis è legale a Barcellona?

Cannabis legale in BCN Kush

Cominciamo dall'inizio. È legale consumare cannabis in Catalogna o a Barcellona, e in Spagna? Attualmente, in Spagna, il consumo, la coltivazione, il possesso e l'acquisto sono illegali, a meno che questi atti non avvengano nella privacy e per scopi non di lucro. Cosa significa? Che, come in tutte le cose della vita, non ci sono solo bianchi e neri, ma anche zone grigie che devono essere comprese.

Sappiamo che se siete entrati nel nostro articolo è perché siete alla ricerca di risposte. Cercheremo quindi di essere risoluti e di darvi risposte chiare, ma quando si tratta di consumo e acquisto di cannabisIn Spagna e nella città di Barcellona, la soluzione non è così semplice. Ve lo spieghiamo noi.

Attualmente, La marijuana non è legale in Spagna, ma l'autocoltivazione di cannabis è consentita purché sia fatta privatamente e non sia destinata al traffico. Inoltre, a dispetto di quanto è noto, il numero massimo di piante che un coltivatore può avere non è chiaramente specificato. Le cose stanno così e i limiti sono molto sfumati: l'autoconsumo non è un reato punibilema quello che il giudice può stabilire come coltivazione di piante per consumo individuale o per profitto. Ogni singolo caso è un caso diverso da studiare.

Tuttavia, fino all'entrata in scena della cosiddetta "rivoluzione". "Legge sul bavaglioIn passato, l'uso e il possesso di cannabis erano regolati dalla legge Legge sulla sicurezza pubblica del 1992. Con la "nuova" legge, è considerato un grave reato avere piante di marijuana visibili dalla strada, anche se per autoconsumo. Che cosa resta, allora? La nostra risposta (e soluzione) è, ancora una volta, la stessa: i Cannabis Social Club (CSC).

Barcellona: "la nuova Amsterdam".

Come avete letto, la legislazione spagnola è confusa. E continua a essere ancora più confusa quando ci addentriamo nel suo diverse comunità autonome. A seconda della comunità autonoma in cui si vive, la legge sul consumo di cannabis può essere più o meno permissiva. 

La comunità catalana è una delle più fortunate: sapete come viene chiamata la città di Barcellona? La nuova Amsterdam! 

Anche se non esiste una licenza totalmente gratuita per coltivare marijuana, trasportarla o fumarla, nella città di Barcellona è permesso coltivare marijuana, ma questa coltivazione è limitata a due piante per famiglia (ma senza limiti di altezza). Nonostante ciò, e questo va tenuto in considerazione, laLe attività di traffico e vendita di sostanze controllate sono rigorosamente illegali a Barcellona. (e in Spagna in generale).

Un Cannabis Social Club è legale?

È qui che entrano in gioco le CSC. Associazioni o club come il nostro sono impostati per dare risposta e soluzione alle lacune di questo sistema giuridico. Abbiamo già spiegato il I vantaggi di diventare membro di un CSC in uno dei nostri post precedenti, ma lo riassumeremo in tre parole: protezione, tranquillità e legalità. Suona bene quando ci riferiamo a un consumo che è punibile al di fuori della sfera privata, non è vero? Perché rischiare? 

Le CSC di Barcellona come BCN Kush sono molto diverse dalle caffetterie di Amsterdam: siamo associazioni private e richiediamo l'iscrizione. Sapete cosa significa? Sì, lo sappiamo, non partecipiamo al circuito di compravendita sul mercato nero e noi proteggiamo voi e il vostro consumo in modo legale. 

Perché non lottare per questo tipo di consumo? Sì, è vero, fino a quando non si creerà una legislazione omogenea, il nostro Stato sarà lontano dalla legalizzazione della cannabis. Ma ci sono valide alternative per continuare a consumarla! Vi unite a noi?

Lascia un commento

it_IT