chala e dollari

Nuove misure federali sulla cannabis

Il Presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, si è fatto carico di un comunicato ha annunciato ieri tre misure volte a migliorare il rapporto del Paese con la cannabis, la prima delle quali è la grazia per tutti i detenuti federali per possesso di marijuana.

Questo perché gli Stati Uniti hanno una forte tradizione di autonomia statale e in Stati come il Texas e Washington la cannabis è legale, mentre nella stragrande maggioranza degli Stati era totalmente vietata.

Come secondo passo, il presidente esorta tutti i governatori a replicare questa decisione, sostenendo che così come non dovrebbero esserci prigionieri nelle carceri federali per possesso di marijuana, non dovrebbero esserci prigionieri nelle carceri statali o locali.

Nella fase finale, il documento incarica il Dipartimento della Salute e dei Servizi Umani e l'Ufficio del Procuratore Generale di rivalutare lo status legale della cannabis, un primo passo verso la regolamentazione federale e la legalizzazione della cannabis negli Stati Uniti.

pipa e gemme

Tendenza globale

Il presidente ha chiuso la dichiarazione con forza, affermando che "troppe vite sono state cambiate a causa del nostro approccio fallimentare alla marijuana. È ora di rimediare a questi errori".

È la prima volta nella storia degli Stati Uniti che il governo lancia un provvedimento federale a favore della cannabis. Questo si unisce a una tendenza globale, come la legalizzazione della cannabis in Thailandia, dove la cannabis si sta lentamente facendo strada verso la legalità, rompendo tabù che sono stati in vigore per anni.

Lascia un commento

it_IT