Il movimento 420. Cos'è e cosa rappresenta?

Comunità e strutture - BCN Kush F0

Il movimento della cannabis è una cultura che muove le masse e il movimento 420 lo ribadisce. Ma cosa rappresenta il 420 e da dove viene, dove si sta dirigendo il movimento e cosa significa questo numero per i consumatori di cannabis? Ci sono molte incognite che sono emerse nel corso degli anni sul perché il 420 - pronunciato "four-twenty" e non "four-twenty" - sia diventato un'icona e una cultura, e l'articolo di oggi cercherà di portarle alla luce. 

Cominciamo dalla fine. Prima di analizzare la storia, i perché e i percome del 420, è necessario sapere che questo movimento ha portato alla "celebrazione" o "festeggiamento" del 420. reclamo in un giorno a sé stante: il 20 aprile. Ma cosa succede oggi quando arriva questo giorno? La verità è che la risposta è, come tutto il resto, varia. I movimenti dipendono in gran parte dal Paese in cui si vive e dal grado di accettazione sociale della pianta.

La situazione attuale del movimento

Guardando indietro nella storia, possiamo notare che, all'inizio del secolo, la Gli eventi dedicati ai 420 il 20 aprile erano già molto popolari. per sensibilizzare l'opinione pubblica contro la sua illegalità. Si capisce quindi che questo tema è diventato uno dei vessilli più significativi della lotta per la legalizzazione, condividendo la giornata con un altro importante evento: la Global Marijuana March.

Ma continuiamo con il numero. Essi sono molte coincidenze e riferimenti che possiamo trovare nella nostra vita quotidiana e che ci ricordano 420. Huffington PostNel 2003, quando la legislatura californiana codificò la legge sulla marijuana medica approvata dagli elettori, il disegno di legge si chiamava SB 420. "Crediamo che il responsabile fosse uno staff che lavorava per [il capo sponsor dell'Assemblea Mark] Leno, ma nessuno lo ha ammesso", dice Steph Sherer, direttore di Americans for Safe Access, che ha svolto attività di lobbying politico per la legge. Gli addetti legislativi californiani hanno detto che questa storia delle 420 denominazioni rimane un mistero...". 

420 e "I Valdesi 

Prima di andare avanti, vediamo le origini di questo "motto". La storia, ormai diventata un simbolo del mondo della cannabis, risale al 1971, quando un gruppo di amici della San Rafael High School, nel nord della California, si imbatté in una mappa disegnata a mano che presumibilmente individuava una coltivazione di marijuana a Point Reyes, a nord-ovest di San Francisco.

Gli amici, che si chiamavano "i Waldos", si incontrarono dopo la scuola alle 16.20 presso la statua di Louis Pasteur (che divenne l'abbreviazione "420 Louis") e partirono alla ricerca del loro tesoro. Non lo trovarono mai.

Questo gruppo di amici, durante il tempo trascorso a cercarlo, ha iniziato a usare il termine "420"che è diventato uno strumento linguistico multifunzionale utilizzato per tutto ciò che riguarda la cannabis. 

In seguito, il termine si diffuse a un altro gruppo, ancora più numeroso dei Waldos, che si faceva chiamare "Deadheads" e che adottò il gergo della cannabis e lo diffuse anche attraverso i suoi fan. Ma il salto iniziale verso le masse avvenne quando uno dei membri della banda ha fatto circolare un volantino che si riferiva al numero 420 al giornalista Steve Bloom, che all'epoca lavorava per la rivista statunitense sulla cannabis High Times.

Questo stesso giornalista, nel corso degli anni, ha commentato che il termine inizialmente creato dal Waldos e adattato dai Deadheads è servito come una sorta di "codice semi-privato", che tende a essere presente ovunque: numeri civici, prezzi, orari e persino nella cultura cinematografica. 

Lascia un commento

it_IT