uomo che vapa

Esistono sempre più modi per consumare la cannabis e, con l'emergere dei concentrati e degli estratti di cannabis, sono diventati sempre più popolari altri metodi di consumo, come il vaporizzatore di marijuana o di cannabis.

Ma poiché siamo tutti, o quasi, abituati o abbiamo consumato fumo di cannabisVediamo come si differenziano queste due forme di consumo di cannabis.

Vaping o fumo?

Con opinioni diverse su quale sia più "sano", il vaping o il fumo, la differenza principale tra i due è il processo di combustione che avviene quando l'erba viene accesa.

Nel caso di un vaporizzatore, la cannabis viene riscaldata a una temperatura molto più bassa, il che significa che la gola e i polmoni soffrono meno. Inoltre, quando si fuma cannabis è molto comune aggiungere tabaccoQuesto può influenzarci ancora di più.

Oltre a questo, ci sono anche diverse differenze tra i vaporizzatori stessi. E non stiamo parlando solo di marche o modelli, ma piuttosto di un processo chimico che differenzia i vaporizzatori di marijuana.

uomo che vaporizza marijuana

Tipi di vaporizzatori

Per capire come funziona un vapo, dobbiamo innanzitutto comprendere che esistono tre diversi modi in cui il calore viaggia: "conduzione", "convezione" e "irraggiamento".

Nella conduzione, il trasferimento di calore avviene quando un corpo o un oggetto è in contatto con un altro.

La convezione, invece, è causata dal movimento di gas o liquidi a temperature diverse.

Infine, l'irraggiamento è un trasferimento di calore senza che i corpi siano in contatto, attraverso le onde elettromagnetiche.

Un esempio per illustrare questo aspetto potrebbe essere una pentola di acqua bollente: il fuoco riscalda la pentola (irraggiamento), il metallo della pentola riscalda l'acqua (conduzione) e l'acqua calda sale grazie al calore (convezione).

Nel caso dei vaporizzatori, possiamo trovarli per conduzione o convezione.

Vaporizzatori a conduzione

Come suggerisce il nome, riscaldano l'erba portandola a diretto contatto con l'elemento riscaldante. A causa delle alte temperature raggiunte, sono solitamente caratterizzati da un vapore denso e pieno di sapore.

Sono stati i primi vaporizzatori a comparire e di solito sono più economici dei modelli a convezione.

Esempi di vaporizzatori a conduzione sono PAX 3 o il Proxy Puffco.

vaporizzatore pax 3
PAX 3 - Vaporizzatore di guida

Vaporizzatori a convezione

In questo caso, ciò che riscalda la gemma o l'estratto di marijuana è l'aria calda prodotta dal vaporizzatore. Tornando all'analogia con la cucina, se volessimo mangiare i broccoli, la cottura in una padella calda sarebbe il metodo della conduzione e la cottura a vapore sarebbe il metodo della convezione.

Questi vapers sono caratterizzati da un vapore omogeneo e morbido, che irrita meno la gola rispetto ai fratelli a conduzione, ma che potrebbe non essere abbastanza denso per alcuni vapers veterani.

Sono anche più facili da pulire, perché non hanno l'erba o l'estratto a diretto contatto con l'elemento riscaldante. Un aspetto negativo da menzionare è che tendono ad essere più costosi.

Esempi di vaporizzatori a convezione sono la G PEN ELITE o il PLENTY.

G PEN ELITE - Vaporetto a convezione

Conclusione

Che sia per discrezione, o perché si preferisce la morbidezza e la temperatura del vapore rispetto al fumo, o perché non è necessario sapere come rollare, la realtà è che i vaporizzatori stanno diventando sempre più popolari e questo si riflette nella crescente varietà di marche e modelli.

Se vi trovate a Barcellona e volete provare un vaporizzatore a convezione o a conduzione e non ne avete uno, non preoccupatevi. Nella nostra associazione di cannabis, BCN KushVi aspettiamo!

Lascia un commento

it_ITIT